"Qualcuno doveva aver denunciato Josef K. perché, senza che avesse fatto nulla di male, una mattina venne arrestato."
FRANZ KAFKA

 

Lo Studio Legale Cece offre assistenza e difesa in ambito di diritto penale difendendo i propri assistiti in tutte le problematiche attinenti tale campo.
Subire un procedimento penale, o comunque farne parte come vittima del reato, comporta un elevato stress emotivo e numerose preoccupazioni sia per la parte che anche per le persone non direttamente coinvolte nella dinamica processuale, come ad esempio i familiari.

Per questo lo Studio Legale Cece offre un solido sostegno al proprio cliente che non si esaurisce unicamente sul piano tecnico-giuridico. È difatti molto importante fornire al proprio assistito le giuste indicazioni al fine di permettere allo stesso di affrontare il processo penale con il giusto approccio, anche emotivo.

Dal punto di vista tecnico, bisogna evidenziare che il procedimento penale, oltre a svolgersi in varie fasi ben delineate tra loro, si compone di diversi soggetti che hanno anch’essi ruoli ben definiti all’interno della dinamica procedimentale e processuale.

All’interno del procedimento penale, infatti, la persona può ricoprire ruoli diversi a seconda che la stessa sia accusata di aver commesso un illecito penale oppure sia stata essa stessa vittima della commissione di un reato da parte di altro soggetto.

Accusato della commissione di un reato:

È importante in primo luogo sapere che la persona accusata di aver commesso un reato ricopre, dapprima, la qualità di indagato e solamente (ed eventualmente) in seguito quella di imputato. Il passaggio dalla qualità di indagato a quella di imputato segue alla decisione del pubblico ministero di esercita formalmente l'azione penale.
Mentre l'indagato è una persona sottoposta ad indagini preliminari che eventualmente potrebbero concludersi con una richiesta di archiviazione, l'imputato è una persona contro cui, a tutti gli effetti, è mossa un’accusa, formalizzata in uno o più capi di imputazione.
Questo Studio è convinto che le basi per un’efficace strategia difensiva, in ogni caso, devono essere individuate già nella prima fase, quella delle indagini preliminari, mediante la ricerca di prove e delle argomentazioni favorevoli all’indagato.
L’obiettivo primario dello Studio, ovviamente, è quello di convincere la Pubblica Accusa a richiedere l’archiviazione del procedimento, evitando così che nei confronti del cliente si apra un vero e proprio processo penale.
Difatti, a seguito dell’avviso all’indagato della conclusione delle indagini preliminari ex art. 415 bis c.p.p., il Difensore, una volta presa piena cognizione degli elementi a carico dell’indagato, può sin da subito adoperarsi per esercitare le facoltà difensive che il codice di procedura penale riserva all’indagato.
Può, entro 20 gg dalla notifica del predetto avviso, presentare memorie, produrre documenti, depositare documentazione delle indagini investigative, chiedere al PM nuovi atti di indagini, ovvero può chiedere che l’indagato venga sentito a spontanee dichiarazioni o venga sottoposto ad interrogatorio al fine di instaurare un contraddittorio anticipato con il quale la persona sottoposta alle indagini non solo potrà prendere atto delle accuse mosse a suo carico (ovvero di tutte le prove addotte dal PM a sostegno dell’accusa mossa e, quindi, primo passo per organizzare una difesa tecnica degna di questo nome), ma potrà anche organizzare la sua difesa contrastando – ancora prima dell’eventuale giudizio – le deduzioni dell’Accusa.
Scegliere il giusto orientamento, anche di carattere processuale, risulta dunque necessario sin dall’inizio.
Lo Studio Legale Cece, oltre alla competenza professionale, si impegna ad offrire la maggior cura ed attenzione possibile al proprio assistito con il quale è importante instaurare un rapporto di fiducia che permetta allo stesso di sentirsi tutelato.
Allo stesso modo e con la stessa cura lo Studio affronta altresì i processi che vedono protagonisti ragazzi minorenni innanzi al Tribunale Penale dei Minori.
Un buon Difensore ha il compito di salvaguardare e di lottare per la difesa dei diritti del proprio assistito che, subendo un processo penale, oltre a vivere in uno stato di forte angoscia, molto spesso è, sin dall’inizio, considerato colpevole. Troppe volte ci si dimentica infatti di un principio sancito nella nostra Costituzione: una persona è sempre innocente fino a prova contraria (art. 27, co. 2, della Costituzione Italiana «l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva»)  

Vittima di un reato:

Chi è stato vittima di un reato, e dal reato ha subito altresì un danno economicamente valutabile, oltre alla qualità di persona offesa potrà acquisire, una volta che il processo penale si è aperto, la qualifica di parte civile ed avrà la possibilità di richiedere, nel processo penale, il risarcimento dei danni morali, biologici e patrimoniali subiti.
Tuttavia, alcuni reati, per essere perseguiti, devono essere formalmente denunciati dalla persona offesa la quale dovrà richiedere la punizione del reo..
Lo Studio Legale Cece assiste le persone danneggiate dal reato sin da questo primo atto mediante la redazione della denuncia-querela.
Di rilevante importanza risulta essere, infatti, la prima consulenza finalizzata a verificare se vi siano le condizioni per effettuare una querela poiché, decidere di sporgerla, può comportare una serie di rischi, uno su tutti quello di essere contro-denunciati per il reato di calunnia.
È poi fondamentale la corretta redazione di una denuncia-querela affinché venga data una chiarezza espositiva ai fatti allo scopo di valorizzare gli stessi sotto tutti quegli elementi di maggiore pregnanza e valore giuridico. Per questo è consigliabile depositare una denuncia-querela redatta da un professionista competente in diritto penale.
Una volta presentata denuncia-querela, si apre la fase delle indagini preliminari ed, in quanto persona offesa dal reato, il querelante potrà apportare un suo – seppur minimo – contributo in tale fase. Anche per questo è importante affidarsi ad un difensore che conosce gli spazi di manovra e le facoltà che la persona offesa ha all’interno di questa fase.
La persona offesa infatti, oltre ad avere la facoltà di essere messo a conoscenza della richiesta di archiviazione del PM (e quindi di opporsi ad essa al fine di far continuare le indagini), di ricevere la notifica del decreto di fissazione dell'udienza preliminare e la notifica del decreto che dispone il giudizio, ha la possibilità di partecipare agli accertamenti tecnici non ripetibili, di visionare gli atti depositati ai sensi dell'art. 366 c.p.p e di chiedere al  PM di attivare l'incidente probatorio.
Dopodiché, nel caso in cui la fase delle indagini preliminari si sia chiusa con l’esercizio dell’azione penale del Pm - e si sia quindi aperto un processo penale nei confronti della persona che ha arrecato un danno con la commissione del reato - lo Studio Legale Cece garantisce la redazione dell’atto di costituzione di parte civile, atto con il quale formalmente il danneggiato dal reato versa le sue pretese risarcitorie di carattere civilistico all’interno del processo penale.
Difatti, molto spesso, anziché iniziare un ordinario processo civile per richiedere il  risarcimento danni, la vittima di un reato ha maggiore convenienza ad introdurre un più snello, veloce e meno costoso procedimento all’interno del processo penale contro il reo.  
La parte civile è una vera e propria parte processuale ed in quanto tale è titolare di facoltà che potrà esercitare solamente con l’assistenza di un Difensore, come ad esempio quella di citare propri testimoni ed interrogare quelli citati dalle altre parti processuali.
Tali facoltà sono il mezzo per ottenere un congruo risarcimento economico per il danno subìto.

Principali figure di Reato:

Lo Studio Legale Cece pone al servizio dell’assistito le proprie competenze nell’ambito delle più ricorrenti fattispecie di reato tra le quali, meramente a titolo esemplificativo, si ricordano:

- Reati contro il patrimonio;
Tali reati offendono gli interessi a contenuto economico-patrimoniale facenti capo a persone fisiche o giuridiche e sono molto frequenti nella vita giudiziaria del nostro Paese. Lo Studio Legale Cece, svolgendo altresì attività attinente ai rapporti economici di diritto civile e, visto il rapporto di stretta accessorietà che si verifica tra questi istituti e le fattispecie di reato contro il patrimonio, offre una tutela completa riguardo a tutte le problematiche gravitanti intorno ad essi, con particolare riguardo ai reati di truffa (anche contrattuale), appropriazione indebita, insolvenza fraudolenta, usura, ricettazione, riciclaggio etc. 

- Reati contro la persona;
Essi puniscono le condotte di chi mette a repentaglio o lede direttamente la vita, l’integrità fisica, l’onore, la libertà di un’altra persona. Esempi di tali fattispecie criminose sono, per quel che attiene ai beni tutelati della vita e dell’integrità fisica, l’omicidio, le lesioni personali (colpose e volontarie), per quel che concerne l’onore il decoro e la reputazione dell’individuo il reato di diffamazione, e quello di minaccia che lede invece la libertà morale.
Nel tempo, a queste classiche figure di reato se ne sono aggiunte altre, grazie ai numerosi interventi legislativi che hanno prestato molta attenzione alle esigenze sociali della collettività scaturenti dal verificarsi di nuovi comportamenti criminosi: oggi infatti sono previsti e puniti molto severamente le dinamiche attinenti agli atti persecutori, cd. “stalking”, alla violenza sessuale, ai maltrattamenti contro familiari e conviventi.
Lo Studio Legale Cece inoltre, vantando una notevole esperienza nelle dinamiche familiari, occupandosi da più di trent’anni di diritto di famiglia, offre una tutela legale completa per tutti quei reati correlati alla vita della famiglia, che riguardano quindi i coniugi, i conviventi more uxorio ed i minori. Tali sono i delitti, ad esempio, contro l'assistenza famigliare ex artt. 570, 571, 572, 573, e 574 c.p.
Inoltre, la fine di una relazione coniugale può comportare delle controversie tra gli ex coniugi anche di carattere penale, una su tutte quella riguardante il coniuge che non paga l'assegno previsto in caso di separazione o di divorzio. L'articolo 570 bis del Codice penale sanziona poi l'inadempimento in quanto la condotta vietata è costituita dall’inottemperanza al provvedimento del tribunale.

- Reati contro la Pubblica Amministrazione
Tali reati sanzionano sia le condotte che possono porre in essere i pubblici ufficiali (o incaricati di pubblico servizio) che i privati cittadini.
Nella prima categoria dei reati commessi dai pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio contro la Pubblica Amministrazione rientrano reati come quelli di corruzione per l’esercizio della funzione (art. 318 c.p. c.d. impropria), corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio (artt. 319 c.p. c.d. propria), corruzione in atti giudiziari (art. 319 ter c.p.), induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319 quater c.p. c.d. concussione per induzione), istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.), abuso di ufficio (art. 323 c.p.), mentre nell’altra ci sono i delitti commessi dai privati contro la Pubblica Amministrazione, come ad esempio violenza o minaccia a un pubblico ufficiale, resistenza a un pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio.
Lo Studio Legale Cece si propone di offrire ai propri clienti una difesa tecnica adeguata, rispetto ai rischi penali che si riscontrano in una materia, come quella dei delitti contro la Pubblica Amministrazione, sempre più connotata da un marcato intento repressivo e condannante. 

- Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario
 Di recente introduzione è il reato previsto dall’art. 590 sexies, recante il titolo “Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario.
L’evoluzione legislativa è sfociata, da ultimo, nella cd. Legge Gelli – Bianco (L. 24/2017) entrata in vigore l’1 aprile 2017.
La nuova disciplina, abrogativa dell’art. 3 della previgente “Legge Balduzzi”, contrariamente a quest’ultima, ha dunque collocato la responsabilità penale del medico all’interno del codice penale introducendo una responsabilità penale dell’esercente la professione sanitaria.
Lo Studio, in tale materia molto delicata, fornisce assistenza legale sia per la tutela del paziente che ha subito una lesione personale in ambito familiare, o dei familiari del defunto a causa di un errore medico, che dell’esercente la professione sanitaria accusato di aver provocato la lesione o la morte di un suo paziente.
Come detto, lo Studio si avvale della competenza di molti professionisti per meglio tutelare ili proprio assistito in una materia molto tecnica e complessa come è quella della responsabilità penale in ambito medico-sanitario.